Menicon PremiO: tecnologie MeniSilkTM & NanoglossTM 

Menicon e la ricerca della perfezione 

Oltre 60 anni di storia. L'obiettivo di Menicon è quello di sviluppare lenti a contatto sicure ed efficaci. A questo scopo, i dipartimenti di ricerca e sviluppo dell'azienda si sono concentrati per decenni sullo sviluppo di materiali per lenti a contatto altamente ossigeno-trasmissibili, in quanto è noto che questa è una delle caratteristiche più importanti per l'utilizzo sicuro delle lenti a contatto. Nel 1979, il fondatore di Menicon, Kyoichi Tanaka, ha brevettato il primo materiale in silicone idrogel (SiHy) al mondo per la produzione di lenti a contatto1. Nel 2001, Menicon ha lanciato con successo la lente Menicon Z, che ha la più alta permeabilità all'ossigeno tra tutte le lenti gas-permeabili disponibili al mondo ed è l'unica approvata dalla FDA per un massimo di 30 giorni di porto continuo.

Menicon PremiO con le tecnologie MeniSilkTM e NanoglossTM. Menicon si unisce ai pochi produttori al mondo che distribuiscono lenti a contatto realizzate con questo materiale innovativo. Lo scopo di questo articolo è quello di spiegare le caratteristiche uniche della lente a contatto in silicone idrogel Menicon PremiO.

Sviluppo delle lenti a contatto in silicone idrogel

L'uso di lenti a contatto morbide in idrogel è stato associato ad una serie di cambiamenti della superficie oculare, molti dei quali sono legati all'ipossia2. L'introduzione delle lenti a contatto in silicone idrogel ha eliminato la maggior parte delle complicanze legate all'ipossia3-5; tuttavia, le prime generazioni di queste lenti non hanno risolto altre complicanze.

Gli eventi avversi associati a traumi meccanici, come le lesioni arcuate epiteliali superiori, la congiuntivite papillare localizzata e i lembi epiteliali congiuntivali si verificano a tassi di incidenza più elevati rispetto a quelli riportati con le lenti a contatto in idrogel; questo può essere il risultato del modulo di rigidità della lente e delle caratteristiche inadeguate di adattamento della lente6,7.

Le prime generazioni di queste lenti sono state sviluppate per soddisfare i livelli minimi di trasmissibilità dell'ossigeno richiesti per evitare l'ipossia durante l'uso continuo delle lenti a contatto8,9. Tuttavia, questo è stato perseguito a scapito di un maggiore modulo di rigidità e di una ridotta bagnabilità, contenuto d'acqua e lubrificazione10-12. Inoltre, sette anni dopo il lancio di queste lenti, è noto che l'uso continuo di lenti in silicone idrogel ha mostrato migliori tassi di comfort, minore incidenza di eventi avversi legati alla meccanica, minore deposito superficiale della lente e maggiore bagnabilità della lente rispetto alle prime generazioni di lenti a contatto in SiHy6,7.

Essendo l'ipossia virtualmente eliminata con le lenti a contatto in SiHy, l'altra questione di particolare rilevanza per gli utilizzatori di lenti a contatto è il comfort. Nel 72% dei casi, l'interruzione dell'uso delle lenti a contatto si verifica come risultato di uno scarso comfort14, con la secchezza come sintomo più comunemente riportato15-17. I sintomi di disagio e secchezza sono stati correlati al movimento delle lenti e ai profili dei bordi7,18; disidratazione delle lenti19; deposito di proteine e lipidi20; alto modulo di rigidità; scarsa bagnabilità e lubrificazione21,22; e tossicità della soluzione23,24. Inoltre, è stato dimostrato che il comfort iniziale delle lenti a contatto durante l'applicazione di prova influenza notevolmente la percezione delle lenti a contatto da parte dei portatori, e questo potrebbe avere un effetto sul successo finale dell'uso delle lenti a contatto25,26. La natura relativamente rigida delle lenti a contatto SiHy rispetto alle lenti tradizionali in idrogel suggerisce che il rapporto di curvatura lente-cornea può essere più critico quando si applica la prima lente rispetto alla seconda27.

I requisiti di Menicon per lo sviluppo di Menicon PremiO

Menicon PremiO con le tecnologie MeniSilkTM e NanoglossTM è stata sviluppata tenendo conto dei problemi riscontrati con le prime generazioni di lenti a contatto in silicone idrogel. Le proprietà di questa lente innovativa sono probabilmente le più equilibrate di tutte le lenti a contatto in silicone idrogel attualmente disponibili sul mercato (Tabella 1).

Specifiche

Materiale Asmofilcon A
Spessore al centro 0.08mm (-3.00D)
Contenuto d'acqua 40%
Permeabilità all'ossigeno 129 x10-10(cm2/sec)[mL02/(mLxmmHg)]
Trasmissibilità all'ossigeno 161 x10-9(cm/sec)・[mL02/(mLxmmHg)]
Diametro 14.0mm
Curva Base 8.3mm / 8.6mm
Poteri -6.50D a -13.00D (step 0.50D)
+6.00D a -6.50D (step 0.25D)
Porto Porto giornaliero e fino a sette giorni di porto prolungato
Sostituzione Ogni 2 settimane

PERMEABILITA' ALL'OSSIGENO

Nella scienza dei materiali, la permeabilità ai gas di una membrana è definita come il prodotto tra la diffusività del materiale del gas (D) e la solubilità (S) del gas all'interno del materiale della membrana. Nel campo delle lenti a contatto, la solubilità è normalmente rappresentata come "k", quindi la permeabilità è nota come "Dk". Tuttavia, la quantità di ossigeno che raggiunge la cornea attraverso una lente a contatto fabbricata non dipende solo dal materiale, ma anche dallo spessore della lente. Per esempio, se due lenti sono prodotte con lo stesso materiale, ma una è due volte più spessa dell'altra, la quantità di ossigeno che raggiunge la cornea attraverso la lente più spessa è la metà di quella che passa attraverso la lente più sottile. Questa è nota come trasmissibilità dell'ossigeno ed è rappresentata dal rapporto tra la diffusività del materiale e lo spessore della lente (Dk/t)12.

Holden e Mertz e Harvitt e Bonanno hanno stimato che le lenti a contatto devono essere prodotte con valori di trasmissibilità dell'ossigeno di 87 e 125 unità33,34 rispettivamente, per prevenire l'ipossia in condizioni di occhio chiuso. Sebbene l'uso prolungato delle lenti a contatto interessi ancora una piccola parte della popolazione di portatori di lenti a contatto, si ritiene che un numero considerevole di portatori faccia un pisolino mentre indossa le lenti13. Inoltre, la trasmissibilità dell'ossigeno delle lenti a contatto viene normalmente misurata attraverso il centro di una lente -3,00D. Tuttavia, il profilo dello spessore di una lente a contatto cambia dal centro alla periferia della lente. Le lenti con poteri negativi sono più sottili al centro che alla periferia, mentre il contrario avviene con le lenti con poteri positivi.

Menicon PremiO, con una trasmissibilità dell'ossigeno straordinariamente elevata di 161 unità, impedisce l'ipossia in tutte le parti della lente e per tutti i poteri della lente, indipendentemente dal fatto che le lenti siano indossate ad occhio aperto o chiuso (Figure 2 e 3).

Figura 2
Relazione tra la permeabilità all'ossigeno e il contenuto di acqua per le diverse lenti a contatto in idrogel e silicone idrogel.

Figura 3
Trasmissibilità dell'ossigeno (Dk/t) di diverse lenti a contatto in silicone idrogel per diversi poteri della lente.

CONTENUTO D'ACQUA

Il trasporto di fluidi e ioni attraverso le lenti a contatto è fondamentale per l'apporto di nutrienti essenziali e la rimozione di prodotti di scarto e detriti. Il flusso d'acqua attraverso la lente è anche necessario per il movimento delle lenti a contatto, il comfort e la bagnabilità. Nelle lenti idrogel, con l'aumentare della permeabilità all'ossigeno, aumenta anche il contenuto di acqua. Tuttavia, con le lenti a contatto in silicone idrogel si verifica il contrario. La lente Menicon PremiO è stata sviluppata con un elevato contenuto d'acqua, pur mantenendo un modulo ben bilanciato di rigidità e permeabilità all'ossigeno (Figura 2).

PROPRIETÀ DI SUPERFICIE

Le caratteristiche superficiali di una lente a contatto regolano l'interazione della lente con il film lacrimale e le strutture oculari. Pertanto, la natura della superficie del materiale può avere un effetto decisivo sul comfort, sul tempo di utilizzo e sulla chiarezza della visione. Per raggiungere questo obiettivo, la tecnologia Nanogloss della lente Menicon PremiO fornisce una riproducibilità della superficie altamente controllata e liscia che offre livelli ineguagliati di comfort durante l'intera giornata28,29. Le immagini al microscopio delle forze atomiche confermano la produzione di una superficie liscia nella lente Menicon PremiO rispetto alle prime generazioni di lenti in silicone idrogel trattate al plasma o rivestite al plasma (Figura 4).

Figura 4
Immagini al microscopio delle forze atomiche (20x20 μm) di diverse lenti a contatto in silicone idrogel che mostrano la regolarità delle lenti a contatto Menicon PremiO rispetto ad altre lenti in silicone idrogel.

MIGLIORE BAGNABILITÀ

La bagnabilità della superficie di una lente a contatto è di fondamentale importanza per mantenere stabile la visione, il comfort e la biocompatibilità della lente con le strutture oculari. Inoltre, le superfici delle lenti a contatto con scarsa bagnabilità hanno anche una maggiore tendenza ad attrarre depositi. I metodi tradizionali di misurazione della bagnabilità in vitro prevedono la misurazione degli angoli di contatto30. Recentemente, sono state proposte tecniche avanzate basate sull'interferenza per misurare la bagnabilità31. Durante il processo di polimerizzazione, la tecnologia MeniSilk apporta alle lenti Menicon PremiO una molecola idrofila avanzata che fornisce livelli di bagnabilità mai visti prima con qualsiasi altra lente a contatto in SiHy (figure 5 e 6).

Figura 5
Bagnabilità di diverse lenti a contatto in silicone idrogel, misurata con il metodo della bolla captiva.

Figura 6
Bagnabilità di diverse lenti a contatto in silicone idrogel, misurata con una tecnica interferometrica avanzata.

MODULO DI RIGIDITÀ

Con l'introduzione delle lenti SiHy, il modulo di rigidità del materiale ha ricevuto una crescente attenzione nel campo delle lenti a contatto. Ciò descrive come un materiale resista bene alla deformazione e viene definito misurando la forza per unità necessaria per comprimere il materiale di una data quantità32. Le lenti a contatto in silicone idrogel di prima generazione sono associate a tassi di incidenza più elevati di eventi avversi legati alla meccanica, e questo potrebbe essere in parte correlato al loro elevato modulo di rigidità6,7. Sebbene le lenti a contatto con un basso modulo di rigidità siano associate ad una minore incidenza di eventi avversi legati alla meccanica, la sfida per il produttore di lenti a contatto riguarda lo sviluppo di lenti a contatto con un modulo di rigidità intermedio che non solo prevenga gli eventi avversi legati alla meccanica, ma che fornisca anche adeguate caratteristiche di manipolazione e di adattamento delle lenti. Menicon PremiO con MeniSilk e Nanogloss ha un modulo di rigidità ben bilanciato che riduce al minimo gli eventi avversi legati alla meccanica, pur mantenendo eccellenti caratteristiche di manipolazione e di applicazione.

Modulo di rigidità che riduce al minimo gli eventi avversi legati alla meccanica, pur mantenendo eccellenti caratteristiche di maneggevolezza e di adattamento.

PRESTAZIONI CLINICHE

Gli studi clinici sulla lente Menicon PremiO hanno rilevato notevoli prestazioni cliniche e livelli di comfort28,29. Inoltre, la disponibilità di questa lente in due diverse curve  base (8,3 e 8,6 mm) consente un migliore adattamento della lente rispetto alle lenti a contatto SiHy disponibili in una sola curva base. Quest'ultima è di particolare rilevanza, tenendo conto del rapporto intimo di curvatura lente-cornea osservato con le lenti SiHy prodotte con un modulo di rigidità relativamente elevato. Uno studio precedente ha rilevato che quando sono disponibili due curve  base per una lente in silicone idrogel, circa il 74% dei soggetti gode di migliori prestazioni con la curva base più piatta, mentre il 24% gode di migliori prestazioni con la curva base più ripida27.

La lente Menicon PremiO, disponibile in due diverse curve base, offre ai professionisti una scelta più ampia nella ricerca di una migliore applicazione della lente per una gamma più ampia di portatori. Inoltre, la sostituzione bisettimanale della lente fornisce una modalità di utilizzo delle lenti più sicura rispetto alle lenti con cicli di sostituzione più lunghi.

COMPATIBILITÀ DELLE SOLUZIONI

Le soluzione multiuso per le lenti a contatto dovrebbero fornire un ampio spettro di disinfezione contro i microrganismi patogeni senza indurre effetti tossici nelle strutture oculari. Sono state identificate diverse reazioni tossiche sulle strutture oculari allorquando alcune lenti a contatto SiHy sono utilizzate con soluzioni specifiche di lenti a contatto35. Queste reazioni tossiche possono verificarsi quando agenti antimicrobici entrano in contatto con le strutture oculari36. In genere, gli effetti tossici indotti dai sistemi di cura delle lenti a contatto includono segni di colorazione corneale, iperemia limbica e congiuntivale, così come una varietà di altri sintomi. Inoltre, è stato riscontrato che maggiore è la tossicità della combinazione lente SiHy/soluzioni multiuso, maggiore è l'incidenza di eventi di infiltrazione corneale37.

Un epitelio corneale compromesso è più soggetto all'adesione di microrganismi patogeni38 e, quindi, all'incidenza di gravi eventi oculari avversi come la cheratite microbica, che in casi gravi potrebbero indurre una riduzione permanente dell'acuità visiva39. Sulla base di quanto sopra, l'uso di una lente in SiHy compatibile con le diverse soluzioni multiuso attualmente disponibili sul mercato è di fondamentale importanza. La lente Menicon PremiO ha dimostrato eccellenti livelli di compatibilità con le soluzioni multiuso formulate sia con il poliesametilene biguanide (PHMB) che con il poliquad come agenti disinfettanti40.

Figura 7.
Colorazione corneale complessiva osservata in due lenti in silicone idrogel utilizzate in combinazione con tre soluzioni multiuso. Per ciascuna delle barre dello stesso colore, la prima barra rappresenta il risultato trovato con la lente Menicon PremiO, mentre la seconda barra rappresenta il risultato trovato con la lente Acuvue Oasya.

Conclusioni

Menicon PremiO con le tecnologie MeniSilk e Nanogloss è l'ultima e più avanzata lente a contatto in SiHy sul mercato. Questa lente è stata sviluppata tenendo conto dei problemi riscontrati con le prime generazioni di lenti a contatto SiHy. La sua combinazione ben equilibrata di materiali e proprietà superficiali, così come la sua notevole compatibilità con i diversi regimi di cura delle lenti a contatto, fornisce eccellenti prestazioni cliniche e straordinari livelli di comfort.

Riferimenti

  1. Tanaka K, Takahashi K, Kanada M, Shinji K, Tatsutoshi N. Copolymer for soft contact lens, its preparation and soft contact lens made thereof. US Patent 4139513.
  2. Holden BA, Sweeney DF, Vannas A, Nilsson KT, Efron N. Effects of long-term extended contact lens wear on the human cornea. Invest Ophthalmol Vis Sci 1985;26:1489-501.
  3. Keay L, Sweeney DF, Jalbert I, Skotnitsky C, Holden BA. Microcyst response to high Dk/t silicone hydrogel contact lenses. Optom Vis Sci 2000;77:582-5.
  4. Covey M, Sweeney DF, Terry R, Sankaridurg PR, Holden BA. Hypoxic effects of high Dk soft contact lens wearers are negligible. Opt Vis Sci 2001;78:95-9.
  5. Santodomingo-Rubido J, Wolffsohn JS, Gilmartin B. Long-term changes in ocular physiology, tear film characteristics and symptomatology with silicone hydrogel contact lens wear. Optom Vis Sci 2006;83:73-81.
  6. Santodomingo-Rubido J, Wolffsohn JS, Gilmartin B. Adverse events and discontinuations over 18 months of silicone hydrogel contact lens wear. Eye Contact Lens 2007;33:288–292.
  7. Santodomingo-Rubido J, Wolffsohn JS, Gilmartin B. Conjunctival epithelial flaps with 18 months silicone hydrogel contact lens wear. 2008;34:35-8.
  8. Holden BA, Mertz GW. Critical oxygen levels to avoid corneal edema for daily and extended wear contact lenses. Invest Ophthalmol Vis Sci. 1984 Oct;25(10):1161-7
  9. Harvitt DM, Bonanno JA. Re-evaluation of the oxygen diffusion model for predicting minimum contact lens Dk/t values needed to avoid corneal anoxia. Optom Vis Sci 1999;76:712-9.
  10. French K. Contact lens material properties. Part 1 – Wettability. Optician 2005;230:6022 20-7.
  11. French K. Contact lens material properties. Part 2 – Mechanical behaviour and modulus. Optician 2005;230:6026 29-34.
  12. Tighe BJ. Contact lens materials. En: A.J. Phillips and L. Speedwell ed. Contact Lenses. 4th edition. Oxford: Butterworth-Heinemann; 1997: 67-8.
  13. Morgan PB, Woods CA, Jones DJ, Efron N, Tan K-O, Pesinova A, Grein H-J, Santodomingo J, Runberg S-E, Tranoudis IG, Candirnos A, Itoi M, van der Worp E, Helland M, Phillips G, Gonzalez-Meijome JM, Belousov V. Internacional contact lens prescribing in 2007. Contact Lens Spectrum 2008;23:36-41.
  14. Schlanger JL, Schwartz CA, Leser E. Happy patients: connecting comfort and compliance. Spectrum 1993;8:45-7.
  15. Riley C, Young G, Chalmers R. Prevalence of ocular surface symptoms, signs, and uncomfortable hours of wear in contact lens wearers: the effect of refitting with daily-wear silicone hydrogel lenses (senofilcon). Eye Contact Lens 2006;32:281-6.
  16. Begley CG, Caffery B, Nichols KK, et al. Responses of contact lens wearers to a dry eye survey. Optom Vis Sci 2000;77:40-6.
  17. Vajdic C, Holden BA, Sweeney DF, et al. The frequency of ocular symptoms during spectacle and daily soft and rigid contact lens wear. Optom Vis Sci 1999;76:705-11.
  18. Maldonado-Codina C, Efron N. Impact of manufacturing technology and material composition on the clinical performance of hydrogel lenses. Optom Vis Sci 2004;81:442-54.
  19. Morgan PB, Efron N. In vivo dehydration of silicone hydrogel contact lenses. Eye Contact Lens 2003;29:173-6.
  20. Jones L, Senchyna M, Glasier MA, Schickler J, Forbes I, Louie D, May C. Lysozyme and lipid deposition on silicone hydrogel contact lens materials. Eye Contact Lens 2003;29:S75-9.
  21. Tighe B. Silicone hygrogel materials: how do they work? In: Sweeney DF, ed. Silicone Hydrogels: the rebirth of Continuous Wear Contact Lenses. Oxford: Butterworth-Heinemann, 2000:1-21.
  22. Steffen R, Schnider C. A next-generation silicone hydrogel lens for daily wear. Optician 2004;227:10-13.
  23. Santodomingo-Rubido J, Mori O, Kawaminami S. Cytotoxicity and antimicrobial activity of six multipurpose soft contact lens disinfecting solutions. Ophthal Physiol Opt 2006;26:476-482.
  24. Santodomingo-Rubido J. The comparative clinical performance of a new polyhexamethylene biguanide- vs a polyquad-based contact lens regime with two silicone hydrogel contact lenses. Ophthal Physiol Opt 2007;27:168-73.
  25. Efron N, Brennan NA, Currie JM et al. Determinants of the initial comfort of hydrogel contact lenses. Am J Optom Physiol Opt 1986;63:819-23.
  26. Mc Monnies CW. The critical comfort of soft conact lenses. Clin Exp Optom 1997;80:53-8.
  27. Dumbleton KA, Chalmers R, McNally J, et al. Effect of lens base curve on subjective comfort and assessment of fit with silicone hydrogel continuous wear contact lenses. Optom Vis Sci 2002;79:633-7.
  28. Santodomingo-Rubido J, Rubido-Crespo M-J. The clinical investigation of the base curve and comfort rate of a new prototype silicone hydrogel contact lens. Eye Contact Lens 2008 (in press).
  29. Clinical evaluation of PremiO versus Oasys over six months of extended wear. Datos de archivo Menicon
  30. French K. Contact lens material properties. Part 1 – Wettability. Optician 2005;230:6022 20-7.
  31. Maruyama K, Yokoi N, Kinoshita S. A new interference-based in vitro technique for the wettability assessment of soft contact lenses. Poster presented at the 2007 BCLA Conference. Manchester, UK.
  32. French K. Contact lens material properties. Part 2 – Mechanical behaviour and modulus. Optician 2005;230:6026 29-34.
  33. Holden BA, Mertz GW. Critical oxygen levels to avoid corneal edema for daily and extended wear contact lenses. Invest Ophthalmol Vis Sci. 1984;25:1161-7.
  34. Harvitt DM, Bonanno JA. Re-evaluation of the oxygen diffusion model for predicting minimum contact lens Dk/t values needed to avoid corneal anoxia. Optom Vis Sci 1999;76:712-9.
  35. Carnt NA, Willcox MDP, Evans VE, Naduvilath TJ, Tilia D, Papas EB, Sweeney DF, Holden BA. Corneal Staining with Various Contact Lens Solution - Silicone Hydrogel Lens Combinations and its Significance: The IER Matrix Study. Contact Lens Spectrum 2007;22:38-43.
  36. Gilbert P, Moore LE. Cationic antiseptics: diversity of action under a common epithet. J Appl Microbiol 2005;99:703-15.
  37. Carnt N, Jalbert I, Stretton S, Naduvilath T, Papas E. Solution toxicity in soft contact lens daily wear is associated with corneal inflammation. Optom Vis Sci 2007;84:309-15.
  38. Ren DH, Yamamoto K, Ladage PM, et al. Adaptive effects of 30-night wear of hyper-O2 trasmissible contact lenses on bacterial binding and corneal epithelium. Ophthalmology 2002;109:27-40.
  39. Morgan PB, Efron N, Hill EA, Raynor MK, Whiting MA, Tullo AB. Incidence of keratitis of varying severity among contact lens wearers. Br J Ophthamol 2005;89:430-36.
  40. Compatibility of two new silicone hydrogel contact lenses with three soft contact lens multipurpose solutions. Menicon data on file.

Menicon Italy - Soleko S.p.A.

  • Via Ravano, snc – 03037 Pontecorvo (FR) - Via Aniene, 10 – 00198 Roma (RM)
  • +39 06 4395508
  • customerservice@soleko.it